Nell’articolo precedente abbiamo visto come poter evitare che la situazione degeneri, vediamo ora a cosa andiamo in contro se ciò non si può evitare.

Come prima cosa da fare, qualora ci fosse la possibilità, scegliere una comoda via di fuga seppur ci sia stato un sinistro stradale, soprattutto quando la scelta di rimanere sul posto esporrebbe seriamente la nostra incolumità perché la probabilità di essere aggrediti da una o più persone o da una palesemente armata (bastone, crick, coltello ecc.) è molto alta.

Poi chiamare il 112 e dopo aver esposto i fatti al fine di tutelarsi, riservandosi poi di formalizzare la denuncia, chiedere l’intervento di una pattuglia.

Se ciò non è possibile come non lo è nemmeno avere il tempo di chiamare le Forze di Polizia in nostro aiuto, alla scelta di soccombere ci viene incontro la legge con la scriminante di cui all’art. 52 del codice penale La legittima difesa” che non va confusa con la vendetta, una reazione che avviene dopo che i fatti sono accaduti, ma che debba essere vista come l’unico rimedio possibile nell’immediato.

E’ un’eccezione del nostro ordinamento perché l’autotutela o il farsi giustizia da sé è ammessa solo in casi eccezionali poiché la legge vuole che sia lo Stato tramite le forze dell’ordine a indagare affinché i colpevoli siano assicurati alla giustizia.

In sostanza con la legittima difesa ci viene consentito di utilizzare la forza entro certi limiti quando vi è necessità di autotutela privata. Perciò i cardini di questo istituto giuridico sono il trovarsi costretti dalla necessità di difendersi contro il pericolo attuale di un’offesa ingiusta sempre che la difesa sia proporzionale all’offesa.

Da questi presupposti, discende che non può rientrare nella legittima difesa la pura e semplice reazione, ossia quando l’atto della vittima sia posto non per sottrarsi o per difendersi dal pericolo (in atto o imminente), ma sia commesso a titolo di “ritorsione” o di “rancore”. Pertanto se la reazione serve solo per riparare l’offesa subita essa non è legittima difesa.

Per esempio poniamo che Tizio abbia assestato un forte pugno sul mento di Caio, dimostrando però di voler “chiudere qui la partita”. Se Caio, però, a sua volta, reagendo al gesto violento, risponde con un ulteriore pugno, ciò non si considera legittima difesa.

Insomma, il semplice risentimento, o anche il gesto istintivo dettato da rabbia e ritorsione non conta.

Oltre al fatto che non opera la legittima difesa anche quando l’aggredito si è cacciato deliberatamente in situazioni di pericolo scegliendo così di esporsi allo stesso.

Basti pensare quando accettando la provocazione, si scende dall’auto con l’intento di litigare, per poi finire alle mani per il semplice fatto che la situazione sfugge di mano.

Ad ogni modo è da valutare l’opportunità di portare con sé uno spray urticante di quelli consentiti dalla legge, perché se utilizzato contro un aggressore anche disarmato, non fa venire meno il concetto di proporzionalità, anche se i casi non sono tutti uguali e vanno valutati singolarmente di volta in volta.

Altra considerazione da fare riguarda lo stato emotivo del vissuto, che non sempre ci permette di essere lucidi e ben consci nel valutare bene la situazione al fine, qualora sia richiesta la forza, di dosarla affinché sia minore o tollerabilmente superiore a quella dell’aggressore, come emerge dall’orientamento della giurisprudenza.

Difenderci è un nostro diritto ma sapere in che modo farlo evita di farci passare da vittima ad aggressore e di dover rispondere penalmente dei delitti di percosse, lesioni personali o quello più grave di omicidio, che inevitabilmente ci portano nelle aule di giustizia affrontando un procedimento penale che oltre ad esporci ad una condanna, comporta anche un risarcimento danni alla vittima con l’instaurazione di un procedimento civile che può essere peggio di quello penale.

Il nostro consiglio è quello di evitare e lasciar stare mantenendo un’adeguata calma, cercando di essere quanto più possibile razionali e magari portando alla ragione l’altrui persona, perché non conviene farci trascinare nel baratro dalla collera considerate le conseguenze.

Recent Posts

Leave a Comment

Mettiti in contatto

Scrivici per avere qualsiasi tipo di informazione, ti risponderemo al più presto!

Not readable? Change text. captcha txt